Dicono di noi (dal sito Family Go)

“Trekking con gli asini in Abruzzo tra natura e racconti

Il turismo lento va sempre più di moda e si diffondono tante proposte di viaggio slow nell’ottica di un maggior rispetto dei luoghi e dell’ambiente.

Il turismo lento va sempre più di moda e si diffondono tante proposte di viaggio slow nell’ottica di un maggior rispetto dei luoghi e dell’ambiente. Turismo sostenibile è la parola d’ordine che racchiude un po’ le esperienze di trekking lento che si adattano perfettamente anche ai bambini. Un esempio? Le passeggiate con gli asini. Un’alternativa davvero emozionante per le famiglie.

Cresce il desiderio di immergersi davvero nei luoghi, di assaporarli in ogni sfumatura, con la lentezza che meritano. E, in maniera proporzionale, crescono le proposte che vanno incontro a quel desiderio, dalle ciaspolate per famiglie alle piste ciclabili, passando per i cammini che stanno riscuotendo sempre più successo anche con bambini al seguito. I trekking con gli asini si inseriscono proprio in questo scenario. E per vivere quest’esperienza davvero unica che ricorderete a lungo, vi portiamo in Abruzzo.

Trekking con gli asini ai piedi del Gran Sasso

Immaginate uno scenario da film. Perché da film lo è davvero. Qui, nel Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga in Abruzzo, sono state girate tantissime pellicole di ogni genere proprio per la spettacolarità del luogo. E ora immaginate voi e i vostri bambini all’interno di quello scenario che fa da sfondo a una bellissima giornata. In compagnia degli asini per un’indimenticabile esperienza di trekking someggiato. Non è un sogno ma la realtà che potete vivere grazie alla passione e alla visione di Chiara e Luigi, i fondatori di Gira e Rigira. Due professionalità unite da un unico intento: far conoscere e amare questo territorio caratterizzato da una natura davvero suggestiva.

Si parte quindi tutti insieme per una passeggiata con i bambini in compagnia degli asinelli adibiti al trasporto degli zaini per rendere meno faticosa l’escursione. Gli asini fungono infatti da accompagnatori pazienti e gentili lungo tutto il percorso. In alcuni momenti i bambini più piccoli possono, a turno, salire sul dorso dell’asino per un piccolo tratto, sempre nel rispetto totale dell’animale. Alcune escursioni sono tematizzate e teatralizzate grazie alla collaborazione di figure qualificate che raccontano il territorio attraverso fiabe, canti e leggende.

 

Info utili
La sede di Gira e Rigira da dove partono i trekking con gli asini in Abruzzo è il Giardino degli Asinelli nei pressi del laghetto di Santo Stefano di Sessanio nel Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga. Qui potete trovare anche uno spazio adibito a baby-sitting e ad attività ludico-ricreative che consentono di conoscere meglio il mondo di questo affascinante animale. Gli asini dell’associazione sono addestrati anche per persone con sindrome di down o autistiche.

Il servizio baby-sitting per bambini dai 4 ai 12 anni consente di svolgere attività e laboratori in compagnia di operatori qualificati e, ovviamente, degli asinelli. Nel frattempo mamma e papà possono concedersi un’escursione in solitaria o un giro nei dintorni.

Tra le attività proposte, oltre alle passeggiate con gli asini, ci sono anche i trekking di più giorni tra le terre della Baronia in compagnia di Accompagnatori di Media Montagna.

Per altre info e proposte consultate il sito ufficiale di Gira e Rigira.”

Copyright: Familygo. Foto: Gira e Rigira
Pubblicato in 21 Febbraio 2020 da Letizia Dorinzi

Qui l’articolo originale

Asino chi gufa! n.3

Passeggiata in compagnia di asinelli da Santo Stefano di Sessanio al castello di Rocca Calascio, con un finale speciale: ad attendervi al vostro ritorno ci saranno i rapaci notturni di MajaNocte.

Asini e rapaci, animali apparentemente molto diversi ma con caratteristiche in comune che scopriremo insieme, saranno nostri compagni tra panorami da favola…

Passeggiata dalle 9:00 alle 13:00 e, dopo il pranzo al sacco, appuntamento con i rapaci presso il Giardino degli Asinelli

IL PROGRAMMA
9:00 Ritrovo a Santo Stefano di Sessanio @ Giardino degli asinelli (nei pressi del laghetto) e presentazione attività
9:30 Partenza per Rocca Calascio
11:30 Arrivo a Rocca Calascio, visita del Castello (pausa di mezz’ora)
13:30 Rientro a Santo Stefano e pranzo al sacco o presso ristoranti tipici
15:30 Osservazioni dal vivo e prove di volo dei rapaci notturni di MajaNocte

IL PERCORSO:
Dislivello: 300 m ca. – Lunghezza: 10 Km ca.
Difficoltà: T/E – adatto a tutti con un minimo di allenamento

L’EQUIPAGGIAMENTO: scarpe da trekking o sportive con suola scolpita, abbigliamento sportivo a strati, giacca impermeabile antivento con cappuccio, zaino, acqua, spuntino.

E’ necessaria la prenotazione entro il giorno precedente l’escursione.
Info e prenotazioni 3288411477

La fioritura della lenticchia a passo d’asino

La fioritura della lenticchia a Santo Stefano di Sessanio a passo d’asino

A passo d’asino tra campi di lenticchie, musica e degustazioni” è la proposta dell’associazione Gira e Rigira per il prossimo sabato 15 giugno a Santo Stefano di Sessanio (L’Aquila).

Si tratta di attività complementari per tutti i gusti: escursione someggiata attraverso i campi aperti dove poter ammirare, tra le altre, la fioritura della Lenticchia di Santo Stefano di Sessanio; incontro con il titolare dell’Azienda agricola Vinicio Ciarrocca; intervento di Slow Food L’Aquila; degustazione prodotti tipici e concerto del duo Nostos con Irida Gjergji (Albania) e Flavia Massimo (Italia) presso il giardino del “Residence Il Palazzo”.

L’evento è gratuito e rientrante nel programma del Parco esploratori con Gusto.

Durante l’attività il titolare dell’azienda agricola, che coltiva il prezioso legume da tre generazioni, ci presenterà e descriverà il suo lavoro e le caratteristiche del prodotto coltivato.

Tutti i partecipanti avranno la possibilità di conoscere e condurre gli asinelli, i bambini potranno cavalcarli a turno per brevi tratti.

L’intervento curato da Slow Food sarà centrato sui progetti che l’associazione sta portando avanti per la tutela della biodiversità, con particolare attenzione a quello dei Presìdi, nell’ambito del quale è stata valorizzata la produzione della lenticchia di Santo Stefano.

L’escursione someggiata nei campi coltivati ai margini del borgo consentirà di comprendere l’importanza della biodiversità, a partire dall’eterogeneità dei colori di fioritura. Il cibo buono, pulito e giusto, veicolato proprio dalla ricchezza delle varietà colturali, consente oggi di contenere i rischi rappresentati dalla agricoltura intensiva monocolturale, anche in termini di impatto sul cambiamento climatico.

La campagna “Food for change” lanciata da Slow Food a livello internazionale, e richiamata nel corso di questa iniziativa, vuole rivolgere l’attenzione proprio su queste tematiche.

Il concerto del duo Nostos è un cortocircuito geografico, una fanfara onirica e nostalgica per solo viola, violoncello ed electronics; una sorta di esperanto musicale, un viaggio acustico/elettronico.

Informazioni e prenotazioni 328-8411477 (Chiara). Posti limitati con prenotazione obbligatoria.”

Ringraziamo Virtù quotidiane per l’articolo